CONTATTACI +39 0783 763030+39 0783 763030 +39 327 9363110+39 327 9363110 emailinfo@sinisviaggi.it skypesinisviaggi
      
SEGUICI SU facebook twitter instagram flickr

EDEN VILLAGE Budoni /Muravera / Geremeas / Castiadas / Villasimius

olbcupu-26 eden-village-spiagge-san-pietro-sardegna eden-colostrai altura-eden eden-castiadas
olbcupu-26
eden-village-spiagge-san-pietro-sardegna
eden-colostrai
altura-eden
eden-castiadas

quota a persona € da € 615

Dettagli:

persone: 2 - 4

hotel: 4* All Inclusive / Pensione completa con bevande

durata: 8 giorni / 7 notti

data partenza: 01/09/2017

data rientro: 31/10/2017

Descrizione del Viaggio:

La Sardegna è un’altra cosa

“La Sardegna è un’altra cosa” scrisse D. H. Lawrence. Non esiste sintesi più puntuale per descrivere l’isola. La Sardegna è un mondo a sé stante. Più di un centinaio di chilometri la separano dalla Penisola, e ogni chilometro è un pezzetto di storia, di cultura e di tradizioni che la regione è riuscita a preservare nel tempo proprio grazie alla sua lontananza.
Ma nonostante questo, la Sardegna nel tempo fu terra di approdo di popoli provenienti da ogni parte del mondo: Fenici, Cartaginesi, Romani e Spagnoli, ognuno lasciò traccia del suo passaggio.
Arte e architettura sono le parole con cui la Sardegna racconta questa storia millenaria. Siti archeologici, chiese, ipogei, statue e affreschi sono il suo alfabeto. L’entroterra è un libro aperto, con una lunghissima storia da raccontare. Chi si ferma alla costa, per quanto incredibilmente bella, si ferma solo alla copertina. Spetta al viaggiatore sfogliare le pagine e accorgersi che la Sardegna è molto di più.

 

ALLA SCOPERTA DELLA SARDEGNA
Partiamo dalla copertina, ben 1.849 chilometri di costa. Il litorale della Sardegna è interrotto da una quantità sterminata di scogliere, cale, grotte, spiagge e isolette, bagnate da un mare smeraldino che custodisce meravigliosi fondali. La mondanissima Costa Smeralda, le insenature del Golfo di Orosei, l’isola di Tavolara, quelle di granito dell’Arcipelago della Maddalena e le dune della Costa Verde sono solo alcune delle zone più sensazionali. Il mare è senza dubbio il bene più prezioso dell’isola, quello che l’ha resa celebre in tutto il mondo. Ma non è di certo l’unico. Basta spostarsi nell’entroterra per scoprire una natura selvaggia e variegata. Qui si incontrano parchi e riserve naturali, come il Gennargentu e il Parco Nazionale dell’Asinara, foreste e altipiani come la spettacolare Giara di Gesturi, colline ricoperte da vigneti e piccoli paesi fermi nel tempo. Man mano che ci si avventura all’interno dell’isola, ci si addentra nella sua storia. Una storia che comincia nell’Età del Bronzo, con Ia civiltà nuragica. A raccontare questo capitolo sono i 7.000 nuraghi sparsi su tutto il territorio, le imponenti tombe dei giganti, e i menhir, i totem preistorici.
E poi ci sono le tradizioni locali, i riti e la religione. Quella della Sardegna è una storia fatta di antiche feste e celebrazioni patronali che ancora oggi scandiscono la vita degli abitanti, come la Sartiglia a Oristano, la festa di Sant'Efisio a Cagliari, quella del Lunedì Santo a Castelsardo, del Venerdì Santo ad Alghero e i Candelieri a Sassari. Il popolo sardo ha gelosamente custodito tutto questo patrimonio. Ma nella storia della Sardegna si deve includere anche un capitolo più frivolo perché zone come la Costa Smeralda e San Teodoro offrono, con i loro mondanissimi locali, serate magiche e divertenti.
Lo sapevi che...
  • LE SPIAGGE
    Torniamo alla copertina. Stintino, l’isola dell’Asinara, l’arcipelago della Maddalena, l’isola di Tavolara, La Cinta di San Teodoro, le meravigliose falesie del Golfo degli Orosei, Cala Mariolu e Cala Goloritzé nella zona di Baunei, sono le aree marine più celebri dell’isola, tutte situate nella costa settentrionale e orientale. Ma anche la costa occidentale e meridionale riserva sorprese. A occidente, le spiagge Is Arutas, Is Arenas e Bosa Marina non hanno nulla da invidiare ai mari tropicali. Mentre il sud, aspro e selvaggio, ospita ampie spiagge incontaminate prevalentemente sabbiose. Tra le più belle quelle di Costa Rei e di Villasimius.
  • I SITI ARCHEOLOGICI
    Nuraghi e tombe dei giganti raccontano un capitolo storico della Sardegna, anzi preistorico. Le tombe dei giganti sono sepolture risalenti all’Età del Bronzo, la più affascinante è quella di Coddu Ecchju. Dello stesso periodo sono i 7.000 nuraghi disseminati sull’isola, strutture di pietra con funzioni sacre e di guardia. Il Nuraghe Santu Antine è il più imponente, alto ben 25 metri. Merita una visita anche l’area archeologica di Su Nuraxi, dove si trova una colossale fortezza nuragica, e il suggestivo sito di Tiscali.
  • A TAVOLA
    Il capitolo più goloso della Sardegna lo si scopre nell’entroterra, dove non è raro imbattersi in piccoli rivenditori di salami, pecorino, ricotte e vini. Il Cannonau, il Vermentino e la Vernaccia sono i vini del territorio, da accompagnare al porceddu, all’aragosta di Alghero, ai ravioli culurgiones e agli gnocchetti malloreddus. Irresistibili peccati di gola. E poi i dolci: sicuramente da provare i biscotti papassinos, le seadas e le formaggelle.
    La Sardegna è tutto questo. Ma è anche una miriade di altre cose da scoprire.

scarica la brochure

Ti devi sposare? devi organizzare il tuo viaggio di nozze?

Scegli tra le nostre migliori destinazioni

Ecco alcune tra le destinazioni vacanza più cliccate!

Raggiungici Facilmente

per un preventivo della tua vacanza più dettagliato
puoi venirci a trovare in Via Romagna, 7-9 ad Oristano oppure in Via Roma, 20 a Terralba